Diagnosi Energetica e Certificazione energetica

Diagnosi energetica e certificazione energetica

Diagnosi energetica indica tutte le indagini che vengono effettuate su un immobile per valutare dove e come l’energia viene consumata. L’analisi, chiamata anche audit energetico, valuta con precisione la quantità e la qualità dell’energia utilizzata per diverse finalità, come riscaldamento e raffrescamento. La diagnosi rappresenta la prima fase di una riqualificazione o ristrutturazione energetica, perché senza una conoscenza attenta delle caratteristiche del fabbricato non è possibile proporre soluzioni efficaci di miglioramento.
Gli obiettivi di un’analisi energetica sono dunque quelli di valutare i consumi dell’immobile, definire gli interventi di riqualificazione con attenzione a convenienze economiche e ritorni dell’investimento. Infine, si analizzano e ottimizzano le spese di gestione dell’immobile.

Nel campo del Superbonus 110% la procedura di analisi è la seguente:

01.

Sopralluogo esterno e interno dell’edificio, per raccogliere informazioni su materiali e stratigrafie di involucro (componenti opachi e vetrati), informazioni sugli impianti (dal sistema di generazione fino ai singoli emettitori) e locali.

02.

Restituzione grafica e modellazione completa dell’intero edificio sulla base dei dati raccolti durate il sopralluogo, che consente di avere una visione d’insieme su quali siano i consumi e i punti deboli di involucro e impianti.

03.

Generazione di un Attestato di Prestazione Energetica Convenzionale Ante intervento (APE ante). Questo è un documento che riassume il comportamento energetico di un intero edificio allo stato di partenza.

04.

Valutazione e applicazione di modello di migliorie e interventi, sia a livello energetico che a livello economico (migliori risultati con minore spesa).
Gli interventi vanno valutati prima a livello condominiale (involucro opaco e impianti condominiali) e poi considerando le parti private (portoncini, infissi, impianti privati ecc.). In questa fase, si evidenzia quali sono i risparmi economici ottenuti per la gestione dell’edificio. Questo livello coincide con lo studio di fattibilità tecnico economica, in cui si valuta se l’edificio, con le migliorie proposte, riesce a incrementare di almeno di 2 classi energetiche la sua prestazione, e dunque se è possibile accedere agli incentivi del Superbonus.

05.

Generazione di un Attestato di Prestazione Energetica Convenzionale Post Intervento (APE Post), un documento che riassume il comportamento energetico di un intero edificio dopo gli interventi proposti dal tecnico.

06.

Quando i lavori sull’edificio giungono al termine, si procederà con un’analisi energetica delle singole unità componenti l’edificio; a seconda della posizione all’interno dell’edificio e degli interventi migliorativi cui sono stati soggetti, avranno migliorato il loro comportamento energetico in modalità differente. Poiché è avvenuto un miglioramento energetico, l’immobile aumenterà anche il suo valore.

07.

Generazione di un Attestato di Prestazione Energetica tradizionale (APE). Verrà poi effettuato un sopralluogo da parte del soggetto certificatore abilitato, si procederà all’archiviazione del libretto d’impianto; inoltre, verrà redatto e inserito al catasto energetico regionale valido per 10 anni l’APE, relativo alla singola unità immobiliare e non più all’intero edificio.

Fuori dall’ambito del Superbonus, un attestato di certificazione energetica APE può essere richiesto per:

  • Accesso alle detrazioni fiscali per interventi di efficientamento energetico.
  • Atti notarili di compravendita.
  • Contratti d’affitto.
  • Pubblicazione di annunci immobiliari.

Le informazioni riportate in un APE sono:

  • Prestazione energetica globale, indicata sia in termini di energia primaria totale che di energia primaria non rinnovabile.
  • Classe energetica, definita dall’indice di prestazione energetica globale.
  • Qualità energetica del fabbricato, rilevabile grazie agli indici di prestazione termica utile per la climatizzazione invernale ed estiva.
  • Requisiti minimi di efficienza energetica.
  • Emissioni di anidride carbonica.
  • Quantità annua di energia consumata per vettore energetico.
  • Elenco dei servizi energetici con le relative efficienze.
  • Raccomandazioni per il miglioramento dell’efficienza energetica con le proposte degli interventi più significativi ed economicamente convenienti.

Forniamo un servizio
altamente qualificato in diagnosi energetica e certificazione energetica

Mettiti in contatto con noi per spiegarci ciò di cui hai bisogno.